>> BIO | FLORES Marcello

RITRATTO_FLORESmarcello

Storico e accademico, ha insegnato Storia contemporanea e Storia comparata presso l’Università di Siena, ateneo per cui ha diretto il master europeo in Human Rights and Genocide Studies e ha dedicato le sue ricerche storiche ai genocidi e ai diritti umani. Conosciuto in particolare per i lavori del comitato scientifico-editoriale Storia della Shoah. La crisi dell’Europa, lo sterminio degli ebrei e la memoria del XX secolo. Tra i suoi libri ricordiamo: La forza del mito. La rivoluzione russa e il miraggio del socialismo (Milano 2017); Il secolo del tradimento. Da Mata Hari a Snowden 1914-2014 (Bologna 2017); 1968. Un anno spartiacque (con G. Gozzini, Bologna 2018).

Al Festival 2019 i suoi interventi sono:

venerdì 13 settembre > ore 10.15 > Terrazza della Comunicazione
con Furio Colombo
Il tempo di Adriano Olivetti

venerdì 13 settembre > ore 19.15 > Terrazza della Comunicazione
con Andrea Purgatori
Civiltà è documentazione, intrigo, storia
Civiltà è la storia umana raccontata nel suo evolversi e progredire, storia è la civiltà che si concretizza e trasforma il mondo. Dietro la civiltà e la storia ci sono i documenti, le prove, i racconti di quello che è successo in passato e ha portato al presente. E in quel percorso, molto spesso ci si imbatte nell’intrigo, nella complessità e nell’imprevedibilità dell’agire umano.