BIO | MASSINI Stefano

RITRATTO_MASSINIstefano

Tradotto in 22 lingue – oltre a essere lo scrittore italiano più rappresentato nel mondo e consulente artistico del Piccolo di Milano – l’autore della pluripremiata opera sulla dinastia Lehman (da luglio 2018 diretta dal premio Oscar Sam Mendes per il National Theatre di Londra) è amatissimo per i suoi racconti il giovedì sera a Piazzapulita su La7 nel suo tipico stile di appassionati azzardi e spiazzanti incursioni fra grandi romanzi, personaggi e miti moderni. Sul palco del Concertone del Primo Maggio 2018 a Roma ha raccontato una delle sue storie sul tema del lavoro. Collabora con il quotidiano La Repubblica. Tra i suoi libri: Lavoro (Il Mulino 2016); Qualcosa sui Lehman (Mondadori 2016); L’interpretatore dei sogni (Mondadori 2017);  55 giorni. L’Italia senza Moro (Il Mulino 2018).

Al Festival 2018 il suo intervento è:
venerdì 7 settembre > ore 16.00 > Piazza Ido Battistone
Quattro ritratti di grandi visionari
La visionarietà è spesso limitrofa all’utopia, è sinonimo di sferzanti ironie da parte dei conformisti, tranne poi mostrarsi come il vero sale del progresso. E se questo isolamento sociale delle menti geniali è un tratto che ricorre in ogni epoca, allora cos’altro accomuna i visionari nel corso dei secoli? Proverà a dare una risposta questo excursus fra figure inattese e spiazzanti, scelte come simboli di altrettante rivoluzioni. Forte della notorietà anche televisiva ottenuta con i suoi racconti ogni giovedì sera a “Piazzapulita” su La7,  Stefano Massini torna a Camogli con le sue narrazioni letterarie e mitologiche, intrise di una vivissima umanità.

 


Al Festival 2017 il suo intervento con Beppe Cottafavi è stato:
L’arte del racconto all’alba del Terzo Millennio
Cosa vuol dire inventare e raccontare storie all’alba del terzo millennio? Cosa significa comunicare in un’epoca in cui tutti scrivono e i dialoghi sembrano essere diventati prima scritti e poi orali? Ma soprattutto in un’epoca all’apparenza iper-informata che cosa significa partire dalla realtà per farne la base per un romanzo? L’autore di “Qualcosa sui Lehman” (Mondadori), Stefano Massini riflette sul senso dell’ispirazione e delle ispirazioni nell’epoca dei social network e del web 3.0.
Rivedi lo streaming video dell’evento > clicca qui

 


*Ritrattino liberamente ispirato dalla foto di © Attilio Marasco