> BIO | ZAGREBELSKY Gustavo

RITRATTO_ZAGREBELSKYgustavo

Giurista e professore emerito di diritto costituzionale all’Università di Torino. È stato giudice costituzionale dal 1995 al 2004 e presidente della Corte Costituzionale nel 2004. Membro dell’Accademia delle Scienze di Torino e dell’Accademia nazionale dei Lincei, collabora con alcuni dei più importanti quotidiani italiani (la Repubblica e la Stampa) ed è presidente onorario dell’associazione Libertà e Giustizia e presidente della Biennale Democrazia. Tra i suoi libri, ricordiamo Simboli al potere (Einaudi, 2012), Liberi e servi (Einaudi, 2015), Diritti per forza (Einaudi, 2017) e Diritto allo specchio (Einaudi, 2018).

Al Festival 2018 i suoi interventi sono:

con Relja Lukic
giovedì 6 settembre > ore 18.00 > Teatro Sociale
Musica: passione e professione
La musica è espressione di sé, energia creativa, disciplina e impegno, capace di farsi, quando occorre, veicolo di alti valori e lingua di contestazione. Ma è anche linguaggio che consente di comunicare cose alle quali altri linguaggi non arrivano. Conoscere linguaggi significa comunicare e chi conosce  più linguaggi è, per così dire, più cittadino.

con Gherardo Colombo
domenica 9 settembre > ore 16.00 > Piazza Ido Battistone
Il legno storto della giustizia
La corruzione è una piaga che infetta gran parte della vita sociale e politica del nostro Paese, in misura non solo eticamente inaccettabile ma anche economicamente insostenibile. Proprio all’Italia sembra spettare un non onorevole posto tra le nazioni più corrotte al mondo. Prendendo le mosse dal loro libro Il legno storto della giustizia (Garzanti, 2017), Gherardo Colombo e Gustavo Zagrebelsky si confronteranno con schiettezza sul senso ultimo del nostro vivere in comunità, scavando nella nostra natura e nel desiderio tipicamente umano di raggiungere fama, potere e ricchezza anche a costo di sopraffare il prossimo. Un dialogo ricco di spunti e proposte concrete, che spazia dalla storia all’attualità più recente, per quanti ancora credono nell’onestà, nella correttezza e nei principi della nostra Costituzione.