BIO | RECALCATI Massimo

RITRATTO_RECALCATImassimo

È uno degli psicoanalisti più noti in Italia. Insegna all’Università di Pavia e di Verona. È fondatore di Jonas Onlus: centro di clinica psicoanalitica per i nuovi sintomi e Direttore Scientifico della Scuola di specializzazione in psicoterapia IRPA. Membro fondatore e membro analista ALIpsi. Svolge attività supervisore clinico presso diverse istituzioni sanitarie. Il suo ultimo libro è Contro il sacrificio. Al di là del fantasma sacrificale (Raffaello Cortina Editore, Milano 2017). Dal 2014 dirige per Feltrinelli la Collana Eredi. Dal 2015 per Mimesis la collana Studi di Psicoanalisi. Collabora con diverse riviste specializzate italiane e internazionali e con le pagine culturali de La Repubblica.

Al Festival 2018 il suo intervento è stato:
L’inconscio del libro
Cosa significa leggere? Cosa facciamo quando apriamo un libro? In che modo l’inconscio è implicato in quella che abitualmente definiamo “ lettura”?
Rivedi lo streaming video dell’evento > clicca qui


Al Festival 2017 il suo intervento è stato:
Connessioni tra le generazioni. Vivere senza tabù?
Ci sono padri che vorrebbero mangiare i loro figli e figli che vorrebbero uccidere i loro padri. Esiste un connessione tra padri e figli al di là della violenza e dell’odio.
Rivedi lo streaming video dell’evento > clicca qui


Al Festival 2016 il suo intervento con Paolo Giordano è stato:

Gli insegnanti che non dimentichiamo “Insegnare significa etimologicamente “lasciare un segno”. Abbiamo incontrato insegnanti di cui non ci dimentichiamo. Cosa di loro resta in noi? Le cose che ci hanno insegnato? Anche ma non soprattutto. Quello che non si dimentica è lo stile di chi è stato nostro maestro. Perché è lo stile dell’insegnante a rendere possibile la trasmissione del sapere, a renderlo erotico”.